Rugby Top 10, Rovigo batte Petrarca e assenze. Le Fiamme Oro resta… al bastone

Nella riedizione dell’ultima finale scudetto vince ancora la FemiCz nonostante la sua numerosa ascesa. Ma il rientro di Nostran rende meno amara la sconfitta di Padova

La FemiCz Rovigo ha inflitto la seconda sconfitta al capolista Petrarca Padova nella sua riedizione dell’ultima finale scudetto. Un bastone malvagio al tempo lento condannato le Fiamme Oro al ko contro il Valorugby Emilia e alla probabile aggiunta ai play-off. Sono i risultati chiave del 16ª turn del Peroni Top 10 di rugby, che now si ferma per consentire i recuperi.

derby centenario

Rovigo e Petrarca sono stati sfidano per la 172° volta in campionato, 183° ufficiale, 30° per la Coppa Adige, il trofeo in palio del 2013 ad ogni gara. La cornice di circa 2.000 spettatori è insolito per il Top 10, dove purtroppo pubblico il sugli spalti se conta su manciate o poco più. Le emozioni non mancano fino all’ultima azione. Rovigo ha vinto 24-20 a sorpresa, io ero malato da dieci quasi di influenza e uno di Covid. Fino a 24 ore prima del match aveva solo 18 giocatori disponibili rispetto ai 23 che vanno inlista.

La frase

Lo pronuncia an affranto da Andrea Marcato, allenator di Petrarca, negli spogliatoi: “Sono stanco di perche. Ci sto provando in tutti i modi, ma Rovigo ha meritato la victoria e poteva anche essere più ampia. Pensavamo di vincere solo perché ci chiamiamo Petrarca, o perché veniamo qua contro una squadra decimata dall’influenza, abbiamo sbagliato qualcosa. Il campo l’ha dimostrato”.

Il protagonista

Un motivo di felicità nel Petrarca però ce l’ha, oltre alla classificazione dove da tempo ha blindato il primato. Il ritorno in campo di Luca Nostran, ha fatto un primo ritorno ad inizio stagione (salta e play-off) e un secondo ad ottobre per problemi cardiaci. Ora suono risolti. A 5′ dalla ripresa la 28a terza linea sono entrato nel posto di Mattia Catelan. L’incubo è finito.

al cardiopalmo

Sintetico Sul di Ponte Galeria Fiamme Oro e Valorugby se alla fine ho corso punto su punto 23-24. Il risultato cambia i 6 volt standard in 80′. Dare lato e schema di casa, capacità di muovere bene il pallone e costruire azioni del miglior lifello da mandare in porta e trequarti (Guardiano, Vaccari, Marinaro). Dall’altra il Valorugby forte nelle fasi soprattutto statiche e negli urti, che fanno soffrire i padroni di casa e mandano in meta gli avanti Gerosa e Sbrocco prima di Dominguez. Le Fiamme in realtà perdona la gara per un’insolita imprecisione in fondo: 3 suo 9 complessivo di Menniti-Ippolito e De Marco contro il 4 su 4 di Newton. Negli occhi resta il bastone centrale al momento scaduto da De Marco nella sua trasformazione del gol. Niente sorpasso.

ampia vittoria

Per Transvecta Calvisano e Hbs Colorno ampie vittorie che mantengono vivo le speranze play-off. Più per i bresciani in realtà che con tre partite da recuperare sono preferiti nella corsa al quarto posto e possono insidiare anche il secondo e il terzo di Rovigo e Valorugby.

La situazione

Risultati: Rovigo-Petrarca 24-20; Calvisano-Lazio 50-28; Mogliano-Viadana 32-39; Colorno-Lione 62-13, Fiammo Oro-Valorugby 23-24. classificare, con 4 recuperi di gioco: Petrarca punti 68; Rovigo* 52; Valuerugby* 51; colore 34; Fiamme Oro* e Calvisano*** 39; Viadana 28; Sitav Lione* 27; Mogliano* 21; Lazio 7 *partita in meno di turno Prossimo: recupero, venerdì Valorugby-Lione (o 19 su RaiSport), sabato Calvisano-Fiamme Oro.

Add Comment