“La malattia è tornata, dovrò essere ricoperto in ospedale”

“Date l’ultima analisi sono emersi dei campanelli d’allarme e la malattia potrebbe tornare”, ha annunciato Sinisa Mihajlović in una breve conferenza stampa con accanto il ds Riccardo Bigon. Per il tecnico del Bologna inizia un nuovo cammino contro la leucemia Dopo la prima diagnosi di due anni e mezzo fa: “Inizierò un percorso terapeutico per evitare complicazioni ed eliminare la nascita di questa ipotesi negativa. All’inizio della settimana prossimamente sarò ricoperto in ospedale al Sant’Orsola nel ‘dipartimentale terapie cellulari anticipo programma’ diretto dalla dottoressa Francesca Bonifazi that mi ha già seguito nella fase precedente del mio percorso terapeutico. So di essere in ottime mani. Dovrò assentarmi per qualche partita. Questa volta mi vedete più sereno perché so devo fare e la situzione è multo diversi . che i tempi saranno veloci, ma dovrò sistemare alcune partite. La squadra dalla mia camera d’ospedale continuerà”.

Niente lacrime, ma solo una lettera letta alla stampa: “Non entrerò in scivolata come due anni fa, ma giocherò d’anticipo contra questo male. Questa malattia è molto coraggiosa per aver voglia di affrontare ancora uno con me. Se non gli è bastata a lezione, io sono qui presto per dargliene a seconda. Si può cadere, ma bisogna trovare la forza per rialzarsi”.

vedi anche

bolognese
Il combattente Mihajlovic: le tappe della malattia

Il suo pensiero è rivolto ache alla squadra: “Questo inizio 2022 non è fortunato per la rosa, ma sono certo che io ragazzi non mi deluderanno. Io lotterò sempre insieme a loro e loro lotteranno per me. Non molleremo di un cm, risaliremo in classifica e tornerò qui. Voglio ringraziare il presidente e la città, vi chiedo di rispettare il mio diritto alla privacy durante la terapia. Parlate dell’allenatore, ma non dell’uomo. Semper forza Bologna”.

Add Comment