URC Rugby: Zebre sconfitte Parma, 41-24 per Scarlets

Tredici mesi senza successi por la franchising che part bene, ma vanifica tutto con due errori el primo tempo. In tribuna il ct azzurro Crowley

Ancora una volta le Zebre fanno e, soprattutto, disfano. E tornerò a casa con la vittoria dei Lanfranchi di Parma so sempre gli ospiti, in questo caso gli Scarlets che hanno superato 24-41 (3 incontrati a 6) sotto gli occhi del ct azzurro Kieran Crowley. L’ultima vittoria della franchigia federale è il 13 maggio, 27 febbraio 2021.

per errore

That partita non finirà nella lista delle occasioni mancate, più seguramente sottrae la domanda its come si sarebbe potuta sviluppare la gara senza quei due tecnici error che a meta primo tempo hanno indirizzato la sfida dalla gallese. Dopo 23′ e 29′, infatti, gli Scarlets non hanno catturato in mano la partita segnando prima con Baldwin godendo di una posizione favorevole dalla difesa italiana e per il fatto che hanno incaricato Biondelli e Gesi, che con Combeer hanno concretizzato un rapido controattacco è un tocco persiano sul lancio delle Zebre. Pochi minuti di sbandamento per cancellare un ottimo avvio di partita, sia in attacco che in difesa. Un grande mole di gioco, con al centro un pimpante fusco, qualche percussione di un convincente Giammarioli e un interessante paio di spunti di Simone Gesi. Ma alla fine sul tabellone del primo tempo sono finiti solo i 3 punti de un calci di Canna, mentre gli Scarlets hanno aggiunto un terzo gol finito facilmente nella prima fase della rimessa laterale col tuffo di McNicholl sotto i pali.

Reazione Zebre

Anche l’approccio al secondo tempo, nonstante i 21 punti di svantaggio, è stato encomiabile da parte delle Zebre. Oggi non è stato fatto un grande sforzo e prima firmati, al 52′, erano ancorati e gallesi con la combinazione vincente di Kalamafoni e Lousi per il gol del bonus offensivo. Con il risultato a quel punto decisivo, l’ultima mezz’ora è stata pirotecnica con altri cinque metri. Le Zebre ci ha provato ad accorciare le distanze segnando al 55′ con un punto personale di Canna e poi al 58′, dopo la percussione di Andreani, con un preciso calcio-passaggio dello stesso Canna per far schiacciare Biondelli, Sul 17-29 gli Scarlets Hanno subito rimesso a posto lo cucì con un multifase nei 5 metri chiuso dal tuffo oltre la linea di Lesana. Un’altra terza linea, Tuipulotu, ha cambiato il conte galiziano, mentre l’ultimo minuto delle Zebre non ha aumentato il gol di D’Onofrio.

Add Comment