Abu Dhabi, Verstappen: “Capisco delusione Hamilton” – F1 Piloti – Formula 1

Se per Lewis Hamilton il finale di Abu Dhabi presenta una fiera aperta, per Max Verstappen Rimane una bella pagina della sua carriera. Una pagina scritta con l’aiuto della fortuna (l’incidente di Nicholas Latifi) e la collaborazione di Michael Masi, che per la sua interpretazione del regolamento è stato difatti rimosso dall’incarico di direttore di gara della Formula 1.

Verstappen sa che il rischio di una vittoria ‘macchiata’ CE. E ha capito di capire Hamilton: Probabilmente al suo posto hai reagito allo stesso modo. Ma ache sottolineato come i fatti di Abu Dhabi non possono né doverno cancellare una stagione straordinaria: “Sì, So che se continua a mangiare sono andare a cucirlo ad Abu Dhabi posso capire l’illusione di Lewis. Ma come ho detto, bisogna guardare l’intera stagione. Non si guadagna un titolo sulla base di una sola gara. Pensavo di meritarmi il Mondialeassolutamente“, ha detto al Di Telegraaf. “Potrebbero è una persona che ha salvato solo l’ultimo Gran Premio e probabilmente penserò di essere fortunato. Mamma per cucire normali sarebbe il campionato comunicatemi che cammino verso di me. Ho perso 50 punti solo tra Silverstone e Baku. Siamo arrivati ​​all’ultima gara solo per quale motivo“.

Il campione del mondo, fresco di rinnovo a cifre da capogiro con la Red Bull, ha aggiunto come le chiacchiere relativistiche al modo in cui è arrivato il titolo, non l’assillano affatto: “Ognuno può dirlo e penserò a ciò che è volato. So che mi conosci bene, sai che non sono interessato. Alla fin dei conti, è estata a stagione di Formula 1 folle ed epica. Mercedes cercherà di sminuire questo risultato, ma dal nostro punto di vista le sensazioni sono ancora belle, vede il posso assicurare. Quella domenica sarà ad Abu Dhabi era un manicomio ed è stato molto divertente. La diciassettesima settimana continua non ho avuto il tempo di festeggiare perché avevo molti impegni e dovevo viaggiare, dun que sono estato con la mia famiglia e poi in Brasile ea Miami: non ho pensato alla Formula 1 per due settine e mezzo“.

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment