Bryant e che guadagnano a sorpresa nel cambio con Johnson

© foto di Francesco Iasenza

Comunque vada (scongiuri ammessi, oltre che leciti), questa stagione di A2 ha regalato una nuova storia alle tante che i tifosi di Cantù si trasmettono di padre in figlio: quella della victortoria al quarto supplemento sul campo della Panificio Piacentino. Ed entrerò nei racconti così in molti quasi anche il nome di Zack Bryant e dei suoi 40 punti in 57 minuti di resilienza sul parquet, al par di una squadra già fiaccata da un collettivo attack di febbre da cavallo. Quelli dalla memoria migliore racconteranno anche che il mattino dopo il 24enne play dalle duracell incorpora non ha mancato… il suono della campanella dell’Istituto “Bruno Munari” di Cantù per il previsto incontro con gli studenti, chiuso con un paio di schiacciate rimastegli a quanto pare en tasca dalla sera precedente.

nome e-mail Zack Bryant sta sempre più entrando anche nell’attualità dell’Acqua San Bernardo e non solo perché dal suo arrivo (esordio al PalaDesio contro Trapani lo scorso 13 febbraio) la squadra di coach Sodini ha messo un segno in campionato 8 vittorie di fila che l’hanno riportato a tallernare da vicino Udine. Nel canestro e nel numero dell’icona, l’icona è tanta e non è che tornerà tanto a segnare l’impatto della maglia n°2 sulle sorti canturine: è infatti il ​​​​​​”reverendo ” Johnson rima al momento sul pulpito per predicarlo virtù dell’attacco con mezzo di 19,7 punti in 12 parti contestate a 30.5 minuti di utilizzo, ecco che suo sostituto ha già occupato la seconda posizione con 18,1 punti eseguito incontro per 30,9 minuti di impiego. Ma proprio perché le statistiche non dícono tutto, c’è un altro e più importante motivo che spinge ad azzardare l’idea che Cantù possa addirittura averci ottenuto in the change: I know Roberto Johnson (per capacità offensiva e per contratto) è stato scritto a chi è arrivato e sarà la palla nei momenti topici, con l’arrivo dello “sconosciuto” bryant Non modifico tanto il verbale degli sterni quanto l’assunzione di responsabilità da parte vostra.

Forse sarebbe accaduto lo estesso, ma anche se ci sono situazioni contingenti che non hanno ostacolato il recente colloquio con coach Sodini, siamo certi che la crescita del gruppo italiano con l’avanzare della stagione sia nei suoi piani. Certamente lo è bryantper atteggiamento e per capacità di Lascia spazio ai compagni il suo parquet, anche quando la sua mano è particolarmente calda, sta invecchiando e supportando l’intera lavorazione, sicuramente per via di quante facce Johnson. Non sono così un caso e reati fatturati in crescita di Stefanelli (21 nell’ultimo successo interno al Monferrato, 24 nella maratona di Piacenza) e Bucarelli (13 netto successo sulla quotata Pistoia) perché mangia la crescita di personalità di severini. E con Bryant penetrerò e scaricherò il pallone ci stanno guadagnando anche io pulmo ciao dell’Acqua San Bernardo, anche poi i tifosi canturini stanno iniziando ad apprezzarlo per certe schiacciate spettacolari (annotato nel nostro taccuino quella del 31-24 contro Biella su alley-oop di Nikolic) e per le tripla tagliata come quelle dell’88-74 che ha fatto chiuso il match contro Novipiù JB Monferrato. (Paolo Corio)

Add Comment