LA SG FORTITUDO LOTTA E SFIORA L’IMPRESA: IMOLA PASSA SOLO IN FINALE – BOLOGNABASKET

RETE DI SERVIZIO SG FORTITUDO – INTECH VIRTUS IMOLA 72- 77 (18-19; 35-36; 58-59)

NET SERVICE SOCIETÀ GINNASTICA FORTITUDO

Battilani 2, Balducci (K) 14, Selvatici ne, Morara ne, Procaccio 6, Tapia 6, Tosini 9, Cinti 3, Pederzoli 9, David ne, Degli Esposti Castori 11, Dordei 12

All.re Mondini, vice all.re Catrambone

INTECH VIRTUS IMOLA

Nucci 7, Galassi 3, Castelli ne, Aglio (K) 11, Carella 2, Magagnoli 13, Ranocchi 10, Diminic 15, Seskus 16, Savino ne

all.re Regazzi, vice all.re Zotti

Le tribune sono gremite ei tanti tifosi presenti creano un’atmosfera degna di nota, c’è aria di big match alla Palestra Alutto: i ragazzi di Mondini oggi fronteggiano la prima della classe, la Virtus Imola di coach Regazzi, nel recupero della prima giornata del girone di ritorno, prima delle quattro gare rinviate causa Covid-19.

La squadra di testa è la dominatrice incontrastata di questo campionato e arriva per una nuova serie di vittorie consecutive, con l’ultimo risultato negativo risibile l’11 dicembre, ossia alla sconfitta casalinga contro il Forlimpopoli nel decimo turno della giornata. I gialloneri, quindi, hanno collezionato solo vittorie in questo ritorno, grazie soprattutto all’asse format dal diminic diminic dal totem e dal Lithuanian nella cabina del royal Seskus, a causa del capocannoniere del torneo, ha seguito il percorso del capitan Aglio e affiancati da compagni con tanti punti nelle mani: una squadra costruita per segnare al salto di categoria.

Il Net Service sta attraversando più volte un periodo negativo, complice negli ultimi per sconfitte di fila, cugino in casa con Castelnovo e ultimo arrivato in campo Fulgor Fidenza (https://bolognabasket.org/ultimo-quarto-fatale- la-sg-fortitudo-si-arrende-sul-campo-di-fidenza/), che hanno rallentato la corsa biancoblu ai primi posti in ottica playoff. Sarà una prova difficilissima, quasi proibitiva, ma Balducci e compagni, non le assenze di Zinelli per disgrazia e Ranieri, sono determinato a dare tutto per comprare una stampa vera e propria e darò un segnale di reazione da parte del punto di vista del gioco che da quello dei risultati.

Una buona prestazione farebbe anche dimenticare in parte la gara d’andata, nella prima giornata di campionato, infatti, Imola se si impostava con il risultato di 83-52, dominava i felsinei.

IL CHRONAC

Partono forte gli ospiti con i due liberi di Diminic e un grande canestro in allontanamento di Seskus, poi Tosini piazza due triple di fila e Diminic schiaccia in campo aperto per il 6 pari. Dordei e Tapia hanno risposto ad Aglio e Magagnoli, portando Net Service sul 13-11 e timeout di coach Regazzi; Quindi il controbreak dei 0-7 dei gialloneri que tentano l’allungo arriva, ma Degli Esposti con un gioco da tre e Cinti con un appoggio in contropiede riportano sotto i biancoblu sul 18-19.

Ad inizio secondo periodo Tapia regala una parte in Galassi dall’altra colpiscono dall’arco, l’assist di Seskus favorisce capitan Aglio che continua a far lontano maschile nel cuore del dipinto (11 punti per lui nella prima metà di partita) . L’SG ora lotta per entrare in campo e il secondo timeout arriva presto nel giro di pochi minuti il ​​suo strappo ospite (23-30). In contemporanea, arriva subito la reazione bolognese: la bomba di Degli Esposti colpisce il fondo della retina e ristabilisce il morale, Diminic viene limitato a vantaggio di Battilani e i canestri di Balducci alimentano il 10-0 che mette in testacoda il vantaggio. La Virtus, a secco da diverso tempo, è costretta al minuto di squalifica, poi Magagnoli e Diminic firmano il controsorpasso giallonero, ma la Net Service è viva e rimane in scia alle conclusioni del primo tempo sul 35-36. Unica nota dolente: la terza sentenza (molto discutibile) ha trovato Dordei per un contatto fortuito.

Nel terzo quarto il protagonista è Balducci, che gonfia l’eroe diffidente e segna il traffico, e Ranocchi è il suo tutti; nell’attacco Intech gira bene la palla e Magagnoli al centro dalla lunga distanza, perché Ranocchi non costruisce e segna la tripla dal palleggio e costringe al minuto coach Mondini dopo 4′ di ripresa (41-49). Gli ospiti tentano di new di scappare, ma in uscita dal timeout il gran gioco da quattro di Procaccio e il coast to coast di Degli Esposti riportano subito a contatto i biancoblu; altra parte Imola ha Seskus come metronomo, che inventa e serve gli ennesimi assist illuminanti per la facile schiacciata di Diminic e il basket dai 6.75 di Nucci, infine Dordei, Pederzoli e Balducci fissano il punteggio sul 58-59 dopo 30′: ci if giocherà tutto nell’ultimo quarto decisivo.

La rete di servizio ha incontrato i testavanti sul 62-61, improvvisamente dopo il timeout de Regazzi un gran pompaggio di Pederzoli e un gioco da tre punti de Seskus infiammano il match. Arrivano prima la grande stoppata di Battilani su Aglio, che esce gravato di cinque fail dopo il tecnico per proteste, e quella più clamorosa di Pederzoli su Diminic, poi i due lunghi bolognesi sono determinati anche in attacco: il primo sbaglia, segue a rimbalzo and si esibisce sotto, mentre il secondo dopo un altro rimbalzo offensivo, segna, subisce il fall e converte il libero complemente, portando i suoi al massimo vantaggio sul 71-66 a 4’40” dalla fine. In una rapida sequenza, però, venni a fischiati la quinta sentenza se Battilani andasse a Dordei (tanto per dubbio anche questo), poiché la Virtus trova tanto punti al cronometro malato, mentre solo Tapia va alla lunetta segnale per i padroni di casa : yes giunge così così agli ultimi 60” in perfetta parità a quota 72. Seskus è freddo ai liberi, coach Mondini organizza l’ultimo assalto, ma i suoi non trovano il bersaglio, quindi il lituano play, vero trascinatore dei gialloneri con 7 punti nel quarto, resta definitivamente e con te, con Imola che trova gli ultimi 9 punti tutti dalla linea della carità. Il libero di Nucci fissa il puneggio, finisce 72-77.

IL COMMENTO

Una sfida dura, intensa e soprattutto equilibrata, preparata e giocata molto bene da entrambe le squadre, in particolare una Fortitudo coraggiosa, che è tenuta a far valere le proprie caratteristiche e produce una buona prestazione, mettendo in seria difficoltà una corazzata come la capolista Se hai visto un SG mai dressage, che, nostente le difficoltà e la differenza di valori in campo, ha lottato suo ogni pallone, ha risposto ad ogni tentativo di scappare Imolese, ha recuperato ed è anche passata in vantaggio a metà del quarto Periodo: i ragazzi di Mondini ci hanno credito fino alla fin, purtroppo però è mancato el punto decisivo e forse qualcuno que si se le responsabilità nei momenti chiave, in cui hanno invece prevalso la maggior esperienza e la concretezza dei gialloneri. Alla ricerca di una coincidenza, se c’è una reazione positiva, che purtroppo non coincide con un risultato positivo, i biancoazzurri hanno mostrato il valore del pappagallo che è sconosciuto ai vertici del campo. Sono ad un passo dalla stampa, hanno ridato entusiasmo e sicurezza alla rosa e potrebbero aspettare mister Mondini per gli ultimi tre scontri di campionato.

DOMENICA 3 A FERRARA

Il prossimo impegno è fissato per domenica 3 aprile alle ore 18 in provincia di Ferrara, precisamente al PalaVigarano in quel di Vigarano Mainarda, dove i biancoblu saranno ospiti di Basket 2018 Ferrara per il secondo recupero dei quattro previsti, in un match cruciale in ottica spareggio. Nella sfida di andata erano stati i ferraresi ad imporsi at home with il punteggio di 67-79, ma da quella seconda giornata di campionato sono cambiate molte cose ei ragazzi di Mondini certamente voglia di tornare alla victortoria.

CLASSIFICA PARZIALE

Spontando l’attenzione sulla classificazione, la SG rimane ferma a 18 punti, appena alle spalle del gruppo forma da quattro squadre a quota 20, e scende in settima posizione, scavalcata anche dalla Fulgor Fidenza, che a parità di punteggio può narrare sugli scontri diretti a favore la Virtus Imola, ancora una volta, continua la sua corsa solitaria e consolida il suo primate, portando a +10 il suo secondo, assicurando matematicamente il primo palo:

Virtus Imola 30 (15v-2p), Basket 2000 Reggio Emilia 20 (10v-6p), LG Castelnovo 20 (10v-8p), Basket 2018 Ferrara 20 (10v-7p), Baskers Forlimpopoli 20 (10v-8p), Pall. 2014 Fulgor Fidenza 18 (9v-9p), RETE DI SERVIZIO SG FORTITUDO 18 (9V-8P), Pallacanestro Molinella 14 (7v-9p), Francesco Francia Pall. Zola Pedrosa 10 (5v-11p), Pol. Arena Montecchio 8 (4v-12-p), Olimpia Castello 6 (3v-12p).

Martino Pagnone

Add Comment