Wimbledon 2022, esclusi Medvedev e Rublev? Dovranno firmerà una dichiarazione anti-Putin… – OA Sport

La notizia era già nell’aria da diverse settimane, ma ora supponendo sempre più i contorno di una certezza. Il ministro dello sport britannico Nigel Huddleston ha confermato che gli atleti russi e bielorussi parteciperanno all’evento sportivo in Gran Bretagna e firmeranno una dichiarazione scritta in cui si dicono contrari alla guerra e contro le azioni del presidente russo Vladimir Putin.

Per questi atleti è già previsto praticamente in tutte le competizioni la necessità di gareggiare da atleta neutrale, senza poter gareggiare sotto la bandiera della propria nazione. La manovra del ministero britannico fa muovere la propria definizione di neutralità: “Si dichiara neutrale, siamo certi che sia sinceramente neutrale e che non abbia alcuna collaborazione con Putin”. Perché lo stesso huddleston lo ha commentato.

Inevitabilmente, questa manovra colpirebbe prima del torneo di Wimbledon che, data la qualità espressa del tennis russo e in parte anche bielorusso negli ultimi anni, rischia di essere l’evento colpito maggiormente. Sappiamo benissimo come la Russia, soprattutto in campo maschile, se ha una strapotenza nel grado del primo talento e del più grande talento del mondo.

A rischio quindi la partecipazione di Daniil Medvedev, numero 2 al mondo, dopo essere stato recentemente e molto probabilmente una volta numero 1. Il torneo inglese non è lo stato migliore di un evento in cui i russi si stanno esprimendo al meglio, non riscendo mai a superare il quarto turno, ma è certo che la loro assenza potrebbe sconvolgere completamente il tabellone ei rapporti di forza.

Gran Bretagna: atleti russi e bielorussi sono condannare per invasione registrata per partecipare sportivi ad eventi

Se ovviamente si ritrova in questa situazione prima del numero 2 della Russia, Andrey Rublev, attualmente inserita nella classifica ATP. Rischiano lo stesso destino anche Karen Khachanov e Aslan Karatsev, entrambi nei primi 30 al mondo. Nel torneo femminile l’esclusione della più altisonante sarebbe stata sicuramente quella della bielorussa Aryna Sabalenka, numero 5 al mondo ed in grade di arrivare fin alla finale lo scorso ano. Con lei si rischiano di rimanere fuori anche Anastasia Pavlyuchenkova, Viktoria Azarenka, Veronika Kudermetova e Daria Kasatkina, solo per essere tra le prime 30. Insonne, L’impatto di questa manovra dopo il suo torneo di Wimbledon è enorme ed è stato ovviamente estremamente controverso. L’impressione è che questa faccenda non sia ancora chiusa e potrebbe esserci nuovi sviluppi nei prossimi giorni.

Foto: La Presse

Add Comment