Ana Carrasco, in Qatar è il via della seconda capitale della Moto3

L’ultima settimana si tinge di rosa nel paddock del Motomondiale. Dopo il risultato del team Gresini, ora guidato da Nadia Padovani, c’è la pilota Anna Carrasco, che ha regalato davvero il via alla stagione Moto3 2022. Dopo i test privati ​​​​e questa ufficiale fin qui svolti, la ‘terribile ragazza’ del team BOE SKX ha iniziato la seconda sfida nella entry class mondiale, il cui primo capitolo si era chiuso nel 2015 dopo tre stagioni. Chiaramente serve tempo per riadattarsi dopo anni nelle derivate di serie, ma il GP del Qatar è stato il primo passo.

La sua ultima settimana è iniziata con il 27° posto nelle FP1 a +4.635 secondi dopo che il capoclassifica Dennis Foggia. Una discreta fila di sette ha deciso il turno successivo ed è stato abbassato di un altro secondo nelle FP3. In qualifica ottener poi il 26° crono finale, diventato poi una 23^ casella in griglia per pesani sanzioni comminate ad altri piloti. Per poi disputare la sfida di primavera della stagione, ovvero la gara, che la vede 20^ al traguardo a 43 secondi dal vincitore Migno. Un punto di partenza per quello che sarà decisamente lungo (21 GP!) e molto intenso.

“In generale sono contento della bella seventimana” Ha detto il sempre sorridente pilota murciano. Alla base in particolare di questo “Siamo riusciti a migliorare giorno dopo giorno, riducendo sempre il distanza dai primi: era il nostro obiettivo.” Ma è già tempo di guarde avanti: nel weekend del 18-20 marzo se vai a Mandalika, il suo circuito ti dà la possibilità di farlo. Tranne per Mario Suryo Aji, che si è allenato con una moto stradale. “Bisogna migliorare soprattutto il venerdì, per prendere il ritmo e qualificarsi meglio sabato. Dobbiamo continuare a lavorare”. L’avventura 2022 sta per iniziare.

Foto: ANSA

Add Comment