Basket serie A, un islandese Tortona Fridriksson: incubo dell’Italia con 25 punti

TORTON. La caduta a Venezia era stata la vigorosa turbolenza che aveva messo in allarme tutti. Il capitombolo casalingo contro Pesaro ha presentato il più appariscente delle spie rosse ad avversiónre che la Bertram Derthona è a short di energie. Questo aspetto emerge con forte evidenza dall’ultima richiesta della pagina di Marco Ramondino, sulla base dei negativi verdi che gli sono stati firmati e degli errori tecnici che lo hanno contraddetto.

Qualche eccezione c’è sempre nella singola gara (sabato sarà, per esempio, un pimpante Mascolo nelle sue incursioni offensive) ma apparentemente chiaro come i leoni in questo momento viaggino a marcia ridotta. Un improvviso calore di velocità è stato causato dalla precedente vittoria con Sassari e Napoli, nella quale la compagnia tortonese ha lavorato duramente per vedere quanto ancora rimaneva nel corpo di Tavernelli e compagni.

Ora ne stanno pagando le conseguenze, vieni nel tonfo per mano di una Pesaro in fiducia crescente e cinica nello sbarazzarsi di leoni compassati in attacco, little reattivi negli aggiustamenti difensivi e, in molti frangenti del match, nella lotta a rimbalzo. «La partita è stata condotta dagli avversari dall’inizio alla fin, diamo a loro di aver meritato la victoria per l’intensità, i contenuti tecnici e la sesenza sica que hanno avuto – ammette il tecnico Ramondino – abbiamo faticato a far tutto, Siamo stati un pò luminosi con energia e aggressività scarse. La gara è stata indirizzata nel primo tempo dalla nostra incapacità di essere lucidi in diverse situazioni difensive, che la Carpegna Prosciutto ha capitalizzato ricavando 8-10 punti negli ultimi secondi delle zioni».

Il tema di fondo nell’attuale momento critico dei bianconeri non sfugge affatto alla loro guida tecnica: «Bisogna capirò davvero quanta energia abbiamo da godere in questa parte dovuta, è evidente che non è stato possibile farlo e ragazzi non hanno mostrato la fine dell’inizio di stagione – aggiunge -. Ci sono mie mie responsabilità nel non avere toccato le giuste corde per trovare altre risorse ai ragazzi. Non è possibile utilizzare la scherma di una gestione settimanale intelligente, resistendo alle avversità e affidandoci al carattere dei nostri giocatori che in sicurezza ci daranno delle risposte».

Una mano preziosa ci fa tortonese, anzi, a causa di molte prolifiche in Europa, arriva al mercato. Il club infatti ha deciso di portare alla propria corte Elvar Fridriksson, ex islandese classe ’94, prelevato dagli Antwerp Giants (con cui, mentre Bertram era impegnato a Casale contro Pesaro, ha segnato 18 punti decisivi per la vittoria contro lo Zz Leiden in la Lega Bnxt). L’intesa è decisamente definita, la rotazione del Leon sarà giunge a un elemento che vede con regolarità il canestro, come ha affrontato la sua sventurata nella clamorosa sconfitta contro l’Islanda lo scorso 24 febbraio. Proprio in quella partita valida por el qualificazioni ai Mondiali, Fridriksson punì gli azzurri con 25 punti, 4 rimbalzi e 7 assist.

Add Comment