“L’addio di Rossi? Non ho pianto neanche per Messi”

ROMA-Nordon ho pianto per Messi e non lo farò per Valentino Rossi. La gratitudine di tutti i tifosi che hanno potuto godere di ciò che questi due fuoriclasse ci hanno regalato per tanti anni però riposo“. Perché Carmelo EzpeletaCEO di Dorna Sports, in un’intervista concessa a “solomoto.es“. Quello è il cugino motogp senza il Dottore, mail boss dell’azienda che gestisce i directi commerciali del Motomondiale non ne fa una muerte. Il nove volte campione del mondo di Tavullia ha però costribuito in modalità preponderante allo sviluppo – anche finanziario – del Campionato del Mondo.

La parola di Ezpeleta

Non che questa crescita, il Motomondiale sia ma tutto presente con la forza ascendente di Giovanni della Formula 1. Ezpeleta smentisce però una riforma della MotoGp: “Qualcuno dice che il mondo del corse deve dividersi da zero, ma non è affatto così. In MotoGp non c’è nulla da lotteria perché: la sua struttura è solida“. Tornando a Rossi, gli spagnoli under the line come istituzione devono essere capaci di dire addio ai suoi beniamini, senza lasciare che altre ragioni pledgeno il sopravvento: “Non siamo vicini alla creazione di un personaggio e mai abbiamo Abbellito l’immagine di un pilota per più popolare. Certo Rossi è il simbolo di un’intera generazione, è anche vero negli ultimi anni non otteneva molti successi“.

Add Comment