Il derby va al Brescia, ma per il Pool Libertas sarà ancora A2


Il Pool Libertas Cantù serve un punto per garantire la permanenza in Serie A2 di Credem Banca, e un punto è stat al termine di un derby dell’ultimo due ore di gioco. I canturini partino forte, la montagna bresciana è implacabile, ma i padroni di casa conquistano il quarto set fondamentale per la salvezza. Nel quinto parziale spazio a chi ha giocato di meno.

Galleria fotografica

Il derby va al Brescia, ma per il Pool Libertas sarà ancora A2 4 di 15

L’allenatore Matteo Battocchio schiera Dante Chakravorti al palleggio, Matheus Motzo opposto, Tino Hanžić e Felice Sette schiacciatori, Riccardo Copelli e Federico Mazza centrali e Luca Butti libero. Mister Roberto Zambonardi ha risposto con Simone Tiberti al palleggio, Fabio Bisi opposto, Alberto Cisolla e l’ex di giornata Andrea Galliani sulla fascia, Stefano Patriarca e Davide Esposito al centro, e Andrea Franzoni libero.

Primo set iniziato con le squadre in perfetta parità e con il pallino del gioco nelle mani del Pool Libertas. Cisolla e Bisi Piazzano segnano 0-4 per ribaltare la situazione, e coach Battocchio ferma il gioco (11-14). Sono i due schiacciatori di Brescia che allungano e coach Battocchio chiama il suo secondo time-out (12-17). Più avanti in campo esce Sette in cattedra e piazza il contro-parziale di 4-0 che convince coach Zambonardi a fermare tutto (16-17). Copelli mura Galliani e il ribaltone è servito, con coach Zambonardi che è tornato a parlare con lui (20-18). Se torna in campo, il Patriarca rimette il punteggio in parità a quota 22. Hanžić fa e disfa, e si va ai vantaggi. Copelli ha una galla i suoi, e un attacco out di Patriarca consegna il set a Cantù (29-27).

Il derby va al Brescia, ma per il Pool Libertas sarà ancora A2

Nel secondo set è il Gruppo Consoli McDonald’s ad accendere subito il vantaggio (2-4), Ma Copelli e Hanžić rimettono il punteggio in coppia a quota 9. Un attacco fuori di Mazza e Brescia torna a +2 (10-12). Hanžić ha affrontato l’attacco di terra di 12 par, ma errore en ricotruzione nella metà campo canturina rilancia l’azione bresciana (12-14). Esposito attacca la palla del +3 esterno, e coach Battocchio ferma il gioco (14-17). Copelli mura Galliani, Sette ha incontrato a terra l’attacco della parità a quota 17, e coach Zambonardi vuole parlare su. Più tardi in campo, Patriarca Mura Sette, ancora una volta a rilanciare la situazione, e coach Battocchio chiama il suo secondo time-out (18-20). E’ lo strappo decisivo: i bresciani giocano il cambiapalla alla perfezione, e chiudono con Cisolla (23-25).

Nel terzo set il Gruppo Consoli McDonald’s entra in campo e decide se porta sotto i piedi e colpi di Galliani, con coach Battocchio a fermare il gioco (8-11). E’già lo strappo decisivo: Patriarca svetta al centro della rete, Galliani incontra una terra tutto quello che passa dalle sue parti, Brescia resiste al tentativo di rimonta canturini e chiude con Esposito (19-25).

Nel quarto set il Pool Libertas parte forte, e Mister Zambonardi chiama time-out improvviso (8-5). Più avanti in campo Copelli svetta a pared e Cantù va a +5 (10-5). Il Gruppo Consoli McDonald’s, ma, non sta a guarde, e sfrutta ogni minimo spiraglio lasciato dai canturini per tornare sotto (12-10, 14-13). Sette riporta i suoi a +4, e Coach Zambonardi vuole parlare su (18-14). E’ lo strappo decisivo: Brescia lotta, ma non riesce a ricucire lo strappo. A battuta in rete di Patriarca consegna il parziale e la mathematica salvezza ai canturini (25-19).

Nel quinto set Mister Battocchio ha dato spazio alla Cina e non si è cambiato: cinque in campo Pietroni, Princi, Floris, Rota, Frattini e Bortolini libero. Il Pool Libertas parte subito forte (4-2), ma Cisolla ribalta il tutto con il suo turno in battuta (6-7). Galliani allunga, e coach Battocchio ferma il gioco (7-11). Successivamente in Campo Princi e Floris guidano la rmonta (11-12), ma è l’eterno Cisolla a mettere a terra la palla della vittoria esterna (13-15).

Queste le parole de Coach Battocchio a fine partita: “Abbiamo fatto un primo set molto bello, sia noi che loro, e che è stato deciso da un paio di episodi. E questo cugino impostato ci è un po’ costato il secondo, ma non siamo riusciti ad avere quell’agonismo perché è calata la tensione. Siamo stati bravi e abbiamo sfruttato qualche loro passaggio a vuoto. Peccato per il tie-break perché chi ha giocato di meno si meritava questa gioia”.

LIBERTAS CANTU’ 2 PISCINA

GRUPPO CONSOLI MCDONALD’S BRESCIA 3

(29-27, 23-25, 19-25, 25-19, )

PISCINA LIBERTAS CANTU’: Chakravorti 1, Motzo 15, Hanžić 9, Sette 13, Copelli 24, Mazza 11, Butti (L1), Pietroni, Princi 2, Rota 2, Floris 3, Frattini 1, Bortolini. NE: Trovo (L2). Tutti: Battocchio, 2° Tutti: Zingoni (battute vincenti 3, battute sbagliate 12, muri 11).

GRUPPO CONSOLI MCDONALD’S BRESCIA: Tiberti 3, Bisi 18, Galliani 25, Cisolla 22, Patriarca 16, Esposito 6, Franzoni (L1), Mazzone, Crosatti, Orazi. NE: Neubert, Seveglievich, Ventura (L2). Tutti: Zambonardi, 2° Tutti: Iervolino (battute vincenti 2, battute sbagliate 17, muri 12).

Arbitro: Sergio Jacobacci (BG) e Cesare Armandola (PV)

Aggiungi al controllo video: Chiave Veronica Di Gaetano


Add Comment