Olimpia Milano: nuova biennale di Ettore Messina

© foto di SAVINO PAOLELLA

Biennale di Rinnovo di Ettore Messina Sulla panchina dell’Olimpia Milano: “Ho ricevuto dal Signor Armani a huge attestato di stima. Le parole que ha detto dopo la Coppa Italia hanno un peso straordinario que mi fanno I will feel ancora più indebito nei suoi confronti. Quella intenzione ripagarla. I grandi Cicli nascono così, con l’empatia e la consapevolezza di un cammino comune, una volta con la vittoria”.

Parole riportate nell’intervista alla Gazzetta dello Sport, con l’allenatore che fa il punto della situazione nel momento in cui vivrà la fase agonistica e i suoi momenti topici, lanciando anche una lancia a favore della Virtus Bologna.

fase positiva. Molto positivo perché in linea con tutti gli obiettivi. Per il secondo anno consecutivo abbiamo riportato il grande otto d’Europa, risultato che solo il grande club ha vinto. Abbiamo giocato tre mesi senza Shields, abbiamo avuto a causa di doping e una doppia tornata di Covid: fortissima sotto Natale e preoccupant quella attuale. E tutte le traversie di Gigi Datome, un giocatore per noi molto importante. Al suo secondo posto in Serie A il mio permesso di far notare che il Real Madrid ha perso 7gare in campionato, l’Efes ha fatto alti e bassi e puro il Cska ha avviato battute d’arresto. Morale: la durezza dell’Eurolega ti costa tutto. Perderò col Brescia ea Sassari ci sta. Ultima domanda insolubile: Covid, infortuni e 4gare a settemana imponeno quintetti, squadre e gerarchie sempre diversità. Dura. Ma vale per tutti in Eurolega.

Le critiche incupiscono. No, sono sereno. Abbiamo giocato alcune partite scadenti e giustamente siamo stati critici, ma sono sinceri: piazza e tifosi sono con noi, avverto sostegno e comprensione. La crescita continua, la dignità e durezza in officina e la volontà di rappresentare il miglior titolare in Italia come in Europa e quanto abbiamo costruito con cura fine e orgogliosa. Premium se andava a Madrid, Barcellona o Mosca mettendoci la croce sopra a dispense; ora ce la giochiamo e perdiamo siamo tornati a casa incazzati. Abbiamo sviluppato una cultura del lavoro da squadra di vertice. Il pubblico lo ha percepito. Poi siamo nell’era dei social dove c’è chi, protetto dall’anonimato, sputa veleno. Io resto indifferente. Spero valga la pena anche per i giocatori.

Voterò la Virtus per un jolly? Sì, non ci penserei mezzo secondo sono certo di rappresentare ache la volontà della nostra proprietà. Sarebbe un importante supporto per tutto il movimento e il diritto riconoscimento al progetto e agli investimenti della Virtus e del suo proprietario. E poi ride egotisticamente sarei felice che loro si ritrovassero con gli stessi problemi nostri: una estagione durarissima che solo il binomio Eurolega/Serie A ti può riservare”.

Le vicende doping Moraschini-Mitoglou insegnano cosa? Che le accortezze non sono mai troppe. Ci insegna che la superficialità è una trappola sempre in agguato e può avere conseguenze imprevedibili. Che il rigore e l’autodisciplina non conosco deroghe.

Add Comment