Treviso trafigge Masnago an Openjobmetis stanca e poco paziente


io scorso annodi questi tempi, l’Openjobmetis strappava a insperata vittoria-salvezza sul Campo di Treviso, con una stampa che lo rivitalizzò e l’atmosfera bianca. Oggi i veneti hanno restaurato lo sgarbo (80-89) in un concorso di similitudine: il classico scossa data il cambio di allenatore premia il Nutribullet e complica la strada per Varese, corsara lontano dall’Enerxenia Arena ma non così brillante tra le mura amiche.

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese – Nutribullet 80-89 4 di 23

Non così brillante mamma soprattutto stanca e poco pazienteuna lettura che dà anche l’allenatore Roijakkers al termine di una partita che, dopo quasi mezz’ora di rincorsa, sembrava essere tinto di biancorosso. E ancora, anche quando Varese ha operato il sorpasso e fatto sperare in un finale galoppante, Vene e compagni sono andati in riserva d’energia e di lucidità. A che punto è l’attacco se è confermato una conclusione frettolosa, forzata, sbilenche e le percentuali sono crollate, consentendo agli ospiti di piazzare l’allungo (con 7 punti in fila di Bortolani) dal quale la OJM non si è più ripresa.

Nazioni unite inizio dolorosociò ovviamente non annulla la quantità di grasso buono da multare in questo momento ma che rende più difficile sia la rincorsa a salvezza tanto atteso sia – a maggior ragione – quella lì zona playoff. Per il primo obiettivo dopo tre giorni, sarà una seconda volta, ma a Masnago arriva all’Allianz Trieste che è tornata al successo contro Reggio dopo due complementi. Sarà dura, uualmente, perché sì arrivate partita nelle stesse condizioni di oggiA questo punto è necessario allacciare un successo per mettersi tranquilli.

Ritrovando fluidità in attacco, ma è vero che Varese ha distribuito 22 assist, ma è anche vero che molti canestri eseguiti sono comuni nell’operazione di qualsiasi magia: la tripla di Keene, qualsiasi guizzo di Vene, qualsiasi decollo di Beane. io 43 tiri pesosti tentati (solo 13 andati a segno) sono il metro di giudizio di una parte nata e morta storta, non la reazione e qualsiasi momento di brillantezza al centro. L’OJM, ma ha sim troppo anatroccolo (che era in rotta con Menetti e stavolta è stato determinant), classico pivot che gioca “sopra al ferro” dove l’eroico Sorokas non può arrivare. E in attacco ha avuto Varese Piccolo tropo di De Nicolao e Woldetensaela dovuta guardia del quintetto: ci avevano abituato ai miracolistavolta sono tornati sulla terra e tutta la squadra ne ha risenito.

PALLA A DUE

Gara alle insegna delle novità a Masnago. C’è il nuovo allenatore sulla panchina di Treviso, Marcelo Nicola (beccato a più riprese dal pubblico biancorosso), c’è – point – il pubblico con affluenza normale dopo oltre due anni segnati dal covid (bandierone a coprire la curva, autorità – sindaco e prefetto – bambini delle scuole). C’è pure una variazione nel quintet base di Roijakkers. Tra De Nicolao e Beane prende infatti posto Woldetensae per via della caviglia malconcia di Librizzi, comunque arruolato. Nicola piazza due italiani in quintetto, Bortolani e Akele, con l’ex Dimsa, affidando la fiducia a Sims – che era in rotta con Menetti – sotto i tabelloni.

La scienza di vene non basta, Keene e Beane esaltano e si spengono

LA FESTA

Q1 – Non è la solita Openjobmetis quella che approccia la partita: pigra in attacco dove sbaglia tanto da 3 (dopo il primo centro di Vene), molle in difesa. La Nutribullet ne approfitta sia attaccando l’area con Sims che può giocare sul ferro, sia circondando canestri rapidi dopo i rimbalzi in difesa. Gli ospiti (8 punti Bortolani) preparano un break che sfiora gli 11 punti per poi assestarsi sul 16-26 al sogno della prima sirena.
Q2 – A rivitalizzare l’attacco ci pensa sempre Keene: il texano si brucia la mano, gonfia tre triple (e Vene lo imita) riportando in scia un Openjobmetis che – non troppo in fretta – riparte ad applicare in difesa. Risalita se malata sul -1 perché Sorokas fa 1 su 2 ai liberi al momento del possibile pareggio, il Nutribullet respira e chiude a +4 (44-48) con bel canestro di Bortolani, non uno sprazzo importante nemmeno di Beane sui due lati del rettangolo.
Q3 – Dagli spogliatoi Varese è brava a riportare in campo le buone sensazioni del secondo periodo: i biancorossi capiscono che il riaggancio è fattibile. Ci pensa Beane a segnare il punto ea recuperare il pallone che porta il sorpasso firmato da Reyes utilizzato ad intermittenza da Roijakkers. Treviso è brava a reggere l’urto: va sotto ma non crolla perché Sokolowski, Imbrò e compagnia trovano cantore comune che rispose ai canestri di Vene e Sorokas. Ancora Reyes trova il +6, most vantaggio ma negli ultimi posesi i veneti meno lo svantaggio alle briciole, 67-65.

Roijakkers dopo la sconfitta contro il Treviso: «Non sono contento, la rosa era molto stagnante»

FINE

Nelle prime battute dell’ultimo quarto c’è ancora la sensazione che Varese possa ripartire a razzo (rare tripla de Woldetensae, canestro di Reyes da sotto) ma poco dopo Bortolani cancella ogni illusione. L’ex Legnano elimina Beane e fallisce con una tripletta dall’arco segna 7 punti di fila che sparigliano il punteggio in via definitiva. The OM ci mette a lunghi ripartire, conditi macchinose force che scelgono ai biancoazzurri di gestire con aten lunghi il vantaggio. Russell, in particolare, non sbaglia le mosse in regia e quando Sorokas da solo rompe il bianco divino, la parte è irrimediabilmente firmata: 80-89.

OPENJOBMETIS VARESE – NUTRIBULLET TREVISO 80-89
(16-26, 44-48, 67-65)

VARESSO: De Nicolao 1 (0-2, 0-2), Woldetensae 6 (0-1, 2-8), Beane 10 (3-8, 1-4), Vene 18 (4-4, 3-8), Sorokas 19 (2-5, 3-6); Reyes 10 (5-6), Librizzi, Ferrero (0-1 in 3), Caruso, Keene 16 (4-14 in 3). Ne: Virginia, Zhao. Tutti. Roijakker.
Treviso: Russell 17 (7-9, 1-3), Bortolani 23 (3-6, 4-6), Dimsa 11 (3-3, 1-5), Akele 2 (1-2), Sims 15 (6-8 , 0-1); Imbrò 5 (1-3), Chillo 2 (1-1, 0-1), Sokolowski 10 (3-3, 0-2), Jones 4 (2-5). Ne: Jurkatamm, Poser, Pellizzari. Tutti. Nicola.
ARBITRATO: Begnis, Grigioni, Brindisi.
NOTA. Giorno 2: V 14-26, V 26-36. Giorno 3: lu 13-43, ven 7-22. Tl: F 13-16, T 16-19. Rimbalzi: V 34 (14 ss., De Nicolao 5), T 34 (7 ss., Sims 12). Assist: V 22 (De Nicolao 8), T 15 (Russell 4). Perse: V 9 (Librizzi 3), T 12 (Imbrò, Sims 3). Recupero: V 8 (Vene 4), T 5 (Sokolowski 2). Usc. 5 difetti: Beane.


Add Comment