Bologna, Stefano Michelini “Questa è una Virtus di EuroLeague”

Stefano Michelini, Allenatore e commentatore televisivo di pallacanestro, segue da vicino i prossimi gli avvenimenti del campionato, e offre attraverso La Repubblica edizione Bologna la sua opinione al momento alla 26a giornata.

Sorpresa della virtù. Do due elementi per spiegare la Capolista Virtus: 25 minuti di qualità difensiva di altissimo livello, di intensità di potenza contro le squadre d’Europa e 15 minuti di splendida variazione di Milos Teodosic, perché questa non è stata una sorpresa.

Le assenze di Milano. All’Armani mancavano a causa di richieste fondamentali come Chacho Rodriguez e Shavon Shields, con un fattore che è Gigi Datome. Le altre sono scelte, non ne mancavano 7.

mamma Jaite. È un giocatore che conosco all’epoca, l’ho seguito senza dagli inizi. A Torino e anche in Francia per anni se è discusso se ave se le qualità per affermarsi in grandi squadre, si va di lui: buono in alcune cuce, carente in altre. Inoltre, mi dispiace dire che Jaiteh è l’uomo strano in questa stagione. Il merito va a Scariolo, al suo staff, e naturalmente a Teodosio con cui s’intende una meraviglia. È coraggioso con i molteplici, ha velocità di esecuzione, ha ottime capacità di recuperare rimbalzi. Che coppia con l’altro francese.

Isaia Cordinier. La tanto temuta e controversa grandezza francese si è trasformata in una forza assoluta, una forza assoluta e abile al servizio di questa Virtus.

Vinci l’EuroCup. La Virtus ha la qualità per farlo, quella stampata è più difficile se si sa. Sta crescendo l’autostima per essere vincenti. E’una Virtus da EuroLeague.

Add Comment