Moto2, la pagina del GP delle Americhe – News

Il quarto successo di tappa della classe mezzo è stato firmato da Tony Arbolino, al termine di una gara sul circuito di Americhe (dopo la classifica Moto2 ad oggi) quando ha superato la sua condizione per tutto l’anno. Il lombardo la vittoria si costruisce con dedizione e impegnoraccontando il primo grande risultato della sua carriera in Moto2. Non hanno, invece, saputo gestire bene la situazione Celestino Vietti e Aron CanetEcco i voti che si sono meritati.

La pagina


Tony Arbolino, 10

Matura e importante prestazione per il talento di Garbagnate Milanese, che ha saputo dosare tutti e vari ingredienti nei momenti più appropriati. Ha imparato ad aspettare, è andato in testacoda e la vittoria è che più meritata.

Ai Ogura, 8

Solida prestazione del giapponese, che conquista il secondo podio consecutivo conquistato con intelligenza e precisione. E nella lotta al titolo si è messo decisamente in mostra.

Jake Dixon, 7

Primo podio assoluto in carriera per il britannico, che sta svolgendo una stagione concreta. Questo è lo stato del suo miglior inizio di campionato Sono sempre stato in Moto2, ce l’avevamo d’occhio.


Nicola Antonelli, 6

Non ha visto la bandiera a scacchi il romagnolo del team Mooney VR46, ma se merita sufficienza, mangia incoraggiamento per quanto fattoin un momento non facile

Celestino Vietti, 5

La vittoria era alla sua portata? Probabile. Ma un errore ha buttato al vento ogni possibilità. Il piemontese è anchor leader, ma queste occasioni non si possono sprecare. (Chi denuncia dichiarazione)

Aaron Canet 5

Ha imprigionato la testa della corsa e con una gestione migliore forse anche potuta vincerla. Anche l’inglese ha chiuso la prova anzitempo e il ramerico è tanto.

Cameron Beaubier, 5

sabato dopo la pole position ci si aspettava molto di più dal padrone di casa, ma l’errore all’ultimo turno mentre ero in piena lotta per il quarto posto gli è costato costoso.

Pietro Acosta, 4

Brutta caduta così spagnolo, che Diede ancora a volta di non aver capito del tutto la sua nuova moto. Una differenza dell’anno scorso in Moto3, che ha bisogno di più tempo per prendere le misure.

Somkiat Chantra, 3

Arrivava da grandi prestazioni il thailandese, ma sulla delle Americhe ha causato un incidente che ha rovinato la gara anche a molti piloti. Dalle stelle alle stalle.

Moto2: ecco perché sarà Aron Canet il vero rivale di Celestino Vietti

Add Comment