“Extracomunitario pagato un carrubo”: sospettato Balletto, allenatore cagliaritano di pallavolo

Tre mesi lontano dalla panchina e dal campo di gioco, perché si nutre della sua attività federale.

È la decisione della Federazione Italiana Pallavolo nel confronto del cagliaritano Enrico Balletto, ex ct della Nazionale under 21 femminile, patron di una società di Tortolì nonché esponente di Casapound, candidato nonché supplente della Camera del 2019 al Collegio di Cagliari.

Si qualifica per un commento sul suo Facebook del 20 dicembre 2021, in cui Balletto ha ipotizzato che cinque extracomunitari siano entrati a far parte del Comitato Regionale Fipav per il Lavoro al termine del Giro del Mondo di Beach Volley che se fosse rimasta a Cagliari, lei è stato pagato con “carrube, secchi d’acqua, o una miseria”.

Pierpaolo Murgioni, organizzatore della finale del World Tour che ha pubblicato la sua immagine e cinque extracomunitari, ha indicato il commento al presidente della Fipav sarda Eliseo Secci. Per la cronaca i cinque stranieri, scelti con la caritas collaborazione, sono estati pay cento euro al giorno come tutti coloro che hanno lavorato all’evento.

Il pm federale Giorgio Garlaschelli ha detto che la sospensione del Balletto per cinque mesi, mentre Linda Corrias e Davide Mollica hanno difeso il loro appoggio che dopo la morte considereranno una manifestazione gratuita del pensionato non offensivo della Fipav o del Murgioni. Il College of Sports Giustizia ha ritenuto che Balletto abbia “dileggiato il tesserato Murgioni e la funzione svolta su incarico della Fipav Sardegna, accusandolo falsamente di aver usato immigrati invece che isolani per evade di corrispondente la giusta retribuzione ai lavoratori”.

La difesa di balletto ha annunciato il ricorso.

(Giunto in linea/L)

© Riproduzione riserta

Add Comment