Imperia Rugby, settore propaganda impegnato a Sanremo

Impero. Sabato 9 e domenica 10 aprile tutte le squadre propaganda dell’Imperia Rugby Sono stato impegnato nel Sanremo Rugby Festival. Edizione notevole, la settima della serie a cura dell’organizzazione matuziana, con 52 squadre iscritte nella categoria diversità, dagli under 7 agli under 13. Due giornate di gare e bella presenza in città, come conferma la rugbistica vocazione della Riviera.

La giornata di sabato è stata dedicata all’impegno degli sotto i 13 anni, che sono molto campo. La fase centrale del torneo è senza dubbio alta, con la società emiliana e toscana, quali Valorugby di Reggio Emilia, ambizioso punto di riferimento anche in Eccellenza, massimo campionato italiano e Scandicci. L’under 13 di Imperia con l’inserto atletico della Polisportiva Salesiani di Vallecrosia ha saputo comunicare un’esperienza importante con la realtà delle tante diversità regionali, soprattutto dopo due anni dificili a causa del Covid. La presenza fisica è stata, secondo il tecnico Abbo, ma la disposizione mentale è stata più complessa. Pesa senza dubbio l’emozione. In tutti i casi la prestazione difensiva resta con gli emiliani. La prospettiva di lasciare il grande girone degli under 15 peserà molto positivamente, considerando questo torneo.

io tecnico Enrico Abbo e Mariuccia Reitano mi hanno seguito anche adesso so ragazzi presenti dalle 11, normalmente condotti da Alessandro Ardoino, ma impegnato con i senior per la fondamentale partecipazione con il CUS Genova. Anche in quel caso se mischiate con un partrre di notevole qualità, rappresentato da società di ogni dove: ValoRugby, Lainate, Rho (con 2 squadre molto forti), Provincia dell’Ovest (2 squadre ragguardevoli), Ivrea Sanremo. Va detto che gli allenatori hanno potuto finalmente mettere alla prova il pochissimo sul lavoro, non eseguito a causa delle limitazioni imposte dal contagio.

Lieti anche i tecnici delle squadre dei più piccoli. I tanti bambini presenti sugli assolati campi di Pian di Poma a Sanremo sono stati un ottimo biglietto da visita. Solo tre però e giocatori sotto i 9 portati in campo, a causa dell’epidemia di influenza e di vari indisposizioni. Se dici Quindi Armin Fruttero, Giacomo Gabaglio e Luca Pusceddu. Si è creata così una squadra mista, frutto del vivaio di Valorugby. Una bella esperienza di relazione sociale e sportiva. il riempitivo Paolo Novaro È stato arbitrato da alcune partite si è creato in sostanza un sapere specifico in rapporto allo “stato dell’arte” in altre società norditaliane.

a livello di meno di 7tecniche varie nel campo tra cui Alessandra Ravotto, Alice Mori, Anna Gandolfi e Samuele Bravo. I numeri sono decisamente migliori. Un fronte piccoli di allenamenti con quasi 20 atleti sempre in campo, a Sanremo, ad ora Antelucana, arrivato con una decina di elementi. Gli avversari sono di tutto rispetto, divisi in due gironi. Imperia ha giocato con la provincia dell’Ovest, Lainate, Ivrea e Persino Mentone. I hanno capito che non c’è solo la comfort zone del “Pino Valle”, ma ormai anche tanti altri campi e tanti altri piccoli che giocano. Io quali, forse, parlo un’altra lingua…come nel caso dei mentonaschi. Infine, tutta questa esperienza e divertimento, con una bella immersione nel classico caos organizzato del torneo di calcio: “ho sete”, “mi fa male qui” (ovviamente non hanno nulla), “mi ha preso la palla”, “chi sono quelli”? le domande classiche, una vita che inizia, davvero.

Add Comment