Olimpia Milano: domattina la conta degli assenti per la gara con Cremona

L’Olimpia Milano è reduce dalla sconfitta di Bologna, dove ha accusato sette assi, portando in panchina due atleti delle giovanili. Nella mattinata di mercoledì verrà fatto il punto della situazione per capire chi, tra di loro, possa essere disponibile e utilizzabile in serata contro la Vanoli (palla a due ore 19:00). Siamo alla vigilia del momento cruciale della stagione, con i playoff di EuroLeague iniziati a meno di sette minuti di distanza.

Curiosità: durante il match contro il Vanoli, anche l’Olimpia sarà a conoscenza dell’anniversario visto quasi in contemporanea se andrà alla Menora Mivtachim Arena per Maccabi e Fenerbahce (per l’ora alle 18:30) la festa manterrà il stagione regolare competizione europea e determina gli accoppiamenti.

Se Cremona, ultima in classifica, punto vicino per una parata difficile, l’Olimpia vuole ritrovare la vittoria per non mettere in discussione e il secondo posto da arrembante Germani Brescia e salvare la bella en casa almeno nei primi due turni di playoff LBA. Si gioca en Mediolanum Forum mercoledì 13 aprile alle 19:00, con la diretta del suo Discovery Plus.

A VANOLI – Cremona ha una stagione fortunata. Mente era in piena lotta per evitare retrocessione, ha perso alcune gare in volata e soprattutto ha subito sventura pesata come quella dell’ex milanese Andrea Pecchia (11.0 punti e 5.4 rimbalzi di media). Sta pagando la nona sconfitte esterna consecutiva.

Nell’ultimo turno se ne è bloccato in casa contro il Derthona per un punto scarso mostrando grande cuore nel ribellarsi nella propria situazione. Partito Jalen Harris, il primo marcatore della rosa è il vantaggio di Matteo Spagnolo (12,5 punti, 2,7 assist a centrocampo, oltre il 46,2% della giornata). David Cournooh (11.8 punti e 3.6 rimbalzi) è l’altra guardia del quintetto.

Il lituano Adas Juskevicius ha giocato cinque partite con 6,8 punti e 2,2 assist a centrocampo. I lunghi sono Malik Dime (6.9 punti, 5.7 punti, 61.1% del dovuto), il forte Tres Tinkle (12.0 punti, 4.7 punti), un giocatore insidioso oltre che tiratore (33.9% dei tre) e Jamuni McNeace (7.0 punti, 5,1 rimbalzi, il 60,2% dovuto).

Il lettone Verners Kohs chiude la rotazione dei lunghi. L’ultima volta che ha giocato 25 minuti prima ha detto Filippo Gallo, in sostituzione di Peppe Poeta che era nella sua panchina più inutile, vale 6,5 punti e 4,8 per assistere alla partita per 37 anni. GLI ARBITRI – Alessandro Perciavalle, Silvia Marziali, Marco Bartoli.

I PRECEDENTI VS. CREMONA – Sono 28 i precedenti tra Cremona e Milano. L’Olimpia è in vantaggio 24-4. È 11-1 in casa e 10-3 in trasferta alle gare di campionato. L’unica sconfitta sale a Milano risale alla stagione 2012/13, ma la partita in realtà si giocò a Desio. Ho finito 81-78 per Vanoli. In precedenza comprendeva una semifinale di Coppa Italia nel 2015, una Supercoppa all’inizio della stagione 2015/16 e i quarti di finale di Coppa Italia 2020.

L’Olimpia è arrivata tutte queste tre partite. Quattro anni fa, l’Olimpia vinse la partita di ritorno, al Mediolanum Forum, 82-80 con canestro allo scadere (schiacciata da rimessa) di Mindaugas Kuzminskas; tre anni fa è arrivato al Mediolanum Forum 76-75 con due tiri liberi decisivi di Mike James. Due anni fa, l’Olimpia ha vinto 77-74 con canestro da tre risolutivo de Vlado Micov, autore di 22 punti. L’Olympia nell’ultimo anno è arrivata sia per la festa che qualcosa è stato fatto alla Gara di Andata al PalaRadi.

LA CREMONA CONNECTION – Paul Bligha ha ruotato a Cremona per due tappe dal 2015 al 2017 con 64 presenze su 32 in quintetto. L’allenatore di Cremona, Paolo Galbiati è approdato all’Olimpo, vincendo anche uno scudetto Under 17 nel 2013. Il direttore generale di Cremona, Flavio Portaluppi, è bandiera dell’Olympia Milan se è il vincitore che successivamente guida. Andrea Pecchia, sfortunatamente purtroppo, è un prodotto delle giovanili dell’OIimpia dove era stato ripieno proprio da Galbiati. Pecchia ha esordito in Serie A con la maglia del Milan. Peppe Poeta è stat allenato nella Nazionale da Ettore Messina.

Add Comment