Plusvalenze, Juve se ribella. Discutere e modificare il valore del talento

Nell’audizione del giovedì se parlerai del tuo modo di valutare il talento. Dal caso Suárez alla Superlega: per Agnelli un anno nero

Come si valuta il valore di un calciatore? Come posso determinare se il prezzo di un cartellino sarà determinato dallo stato del contratto? Sul tema si dibatte da anni – meglio, da decenni – e non si scappa: also domani, si ripartirà da qui. La Juventus, la società più coinvolta dall’inchiesta sulle plusvalenze, sarà vista dopo 24 ore, in collegamento video a distanza. All’audizione parteciparno gli avvocati bianconeri e non si esclude l’intervento di qualsiasi dirigente co-coinvolto. È quasi certo che, al centro del dibattito, sarà proprio il metodo con cui la Procura Federale ha stabilizzato il valore corretto, o presunto tale, delle plusvalenze oggetto. Un esempio: Pablo Moreno, talento spagnolo, viene assegnato dalla Juve al City per 10 milioni, nell’area di una doppia operazione che ha portato il Torino Felix Correia per una cifra molto simile. Pablo Moreno per la Procura vale appena 2mila, identificato negli atti come “valore rettificato” o “valore con parametri”. Ma quali sono questi parametri?

la differenza

La Procura se si basa sui suoi criteri così com’è, il numero, il numero di presenza e lo storico del trasferimento. Un sistema di valutazione a cui quasi sicuramente la Juventus risponderà, richiedendo che un calciatore, soprattutto se giovane, non sia valutabile con questi parametri. Facile immaginare che il club si accorgerà di quanto sia importante considerare il talento e la marginalità della crescita, criteri non quantificabili. Entrambi più se si considera che per i trasferimenti sotto indagine c’è stato il via libera della Covisoc, la Commissione di Vigilanza Figc. Lo stesso pensiero non potrà non essere da Fabio Paratici e qui,probabilmente, se giocherà la grande partita: l’impalcatura costruita dalla Procura reggerà in primogrado, con la sentenza attesa per venerdì, e in secondogrado alla Corte sportiva d’appello della Figc ? Forse riprenderà forma l’ultima rivoluzione di un anno agitato, forse il più stormo della presidenza di Andrea Agnelli.

l’anno nero

Un anno nel mondo, è stata annunciata la Super League, annunciata il 18 aprile e cancellata in fretta da rinunce in serie e protesta del tifone. Quella partita è anchor aperta – yes sulla aspetta per fine 2022 il pronunciamento della Corte di giustizia Ue legittimità del ruolo dell’Uefa – ma i fronti su cui sono impegnati Agnelli e la Juve sono molto ampi. Perugia è stata indagata sul caso Suarez possibilmente dirsi sostanzialmente chiuse – a dicembre è stata disposta l’archiviazione -, Torino è in corso l’inchiesta Prisma, in cui i vertici Juve sono indagati per l’emissione di fatture per in operazioniesistenti e false preventivo fatture per società. Senza dimenticare il rosso record da 210 milioni per il bilancio Juve 2020-21 e 119 milioni persi con il semestre dà scarsi consensi. In questa risposta, le due stagioni complesse con Pirlo e Allegri – uno scudetto perso e uno… quasi, due coppe per Pirlo, solo la Coppa Italia da giocare per Allegri – passano quasi in secondo piano. Quasi.

Add Comment